Un’esperienza per i principianti di una conferenza internazionale sul respiro

Di Joshua Alexander

giovedì 9 agosto 2019
L’aeroporto di Los Angeles è forse il posto peggiore al mondo. È caotico, vivace ed egocentrico. Un luogo dove gli anziani vengono molestati per essere lenti, l’ansia è dilaniata e l’impazienza è una virtù. LAX è uno specchio offuscato che riflette l’ombra dell’umanità. Ma è qui, tra il caos, che ho avuto il mio primo incontro con la comunità internazionale del respiro.

Camminando tra la folla, chiedendosi dove salire a bordo dell’autobus per il Joshua Tree National Park, una persona è emersa. I suoi lunghi capelli arricciati e i suoi vestiti bianchi con un gilet colorato attirarono la mia attenzione, ma ciò che catturò la mia attenzione fu la sua energia. Ho sentito in quel momento il completo relax e la pace. Questa persona, in uno degli aeroporti più trafficati del pianeta, sembrava fluttuare nello spazio come se fosse intatta dalla sua follia. Ho capito subito che stavo guardando un “respiratore”. Chiudemmo gli occhi, sorridemmo l’un l’altro e continuammo a camminare.

Lisa (un’amica del fiato) e alla fine abbiamo trovato il gruppo di persone che viaggiavano a Joshua Tree. Il signore con cui ho avuto quella precedente interazione si è rivelata essere il praticante di respirazione di fama internazionale, Anthony Abbagnano. Eravamo tutti riuniti tra il traffico, i fumi delle auto, il clacson e le urla completamente imperturbanti dai nostri dintorni. Eravamo già caduti nella bolla protettiva della comunità mondiale del respiro, e semmai, abbiamo trovato comica la nostra situazione attuale. L’eccitazione era in abbondanza, vecchi amici abbracciati, i neofiti come me erano in uno stimo senza parole.

Questo è stato l’inizio di un’esperienza di respirazione immersiva e di una settimana chiamata Global Inspiration Conference (GIC). Per 24 anni, la comunità mondiale del respiro si incontra ogni anno in un paese diverso per respirare insieme, condividere esperienze, conoscenze e connettersi. Paesi come Svezia, Ecuador, Francia, Sud Africa e Russia hanno ospitato questo evento. GIC è un festival, un parco giochi, una scuola, una festa e un tempio tutti fusi in uno. Ti porta in alto, ti porta basso, e ti porta in regni che non penseresti mai possibili. È letteralmente, maGIC.

Il GIC si è tenuto vicino al famoso Joshua Tree National Park. È un paesaggio desertico, noto per i Joshua Trees e le sue formazioni rocciose uniche. Spiritualmente, è famosa per i suoi vortici di energia; culturalmente, è associato con U2 e Coachella. Intorno alla valle c’erano montagne, alcune coperte di neve. Il caldo a volte era opprimente, con la mattina presto che fornisce l’unica opportunità per le persone di esplorare la terra che ci circonda. Le serate erano meravigliose, con calore che sembrava un bell’abbraccio, e un cielo pieno di stelle. Incontri di chance con corridori stradali e colibrì provocato gioia infantile.

Mentre ero qui, mi sono trovato a rendermi conto di quanto il deserto sia estraneo alla mia esperienza. Come australiano, c’è l’assunto che siamo collegati alle terre del deserto, ma in verità, gli australiani non indigeni sono in gran parte scollegati e timorosi dell’interno del nostro Paese. Ci aggrappiamo ai suoi bordi, guardando verso l’esterno verso il suo oceano circonda piuttosto che verso l’interno verso il suo interno rosso e grezzo. D’altra parte, gli Stati Uniti hanno occupato ogni angolo della sua terra, con lo sviluppo nei climi più duri. Queste relazioni con la terra forniscono una visione della psiche anglo-australiana/americana.

La conferenza aveva una distinta energia indigena americana – la cerimonia di apertura è stata guidata da Rick, un anziano Hopi, e Andrew, un uomo Apache che ha introdotto il potere delle pratiche cerimoniali Apache, in particolare, circoli di batteria. Durante la conferenza, questi cerchi di tamburi divennero più forti, più grandi e più forti. Dopo una cerimonia sacra del cacao, dove ci siamo ballati in un beato stato di coscienza, siamo stati accolti da un grande raduno di per lo più donne batteriste in un cerchio. Il battito ipnotico, come quello del cuore di nostra madre nel grembo materno, ci ha chiamato. Uno dopo l’altro abbiamo raccolto qualsiasi strumento che abbiamo trovato, e alla fine, tutti suonavano o ballavano da un luogo di estasi.

Una tipica giornata alla conferenza inizia alle 7 del mattino, con una miriade di attività mattutine tra cui scegliere: meditazione, danza, yoga, respiro, cerimonia dell’alba indigena, tempo di sonno e solitario-natura. Questo è seguito da colazione, poi un raduno mattutino per parlare di eventi per quel giorno. A metà mattinata, ci sono attività non respiratorie offerte, che si svolgono contemporaneamente alle riunioni AGM della International Breathwork Foundation (IBF). Poi il pranzo, una presentazione pomeridiana, seguita da varie attività di respirazione. I partecipanti alla conferenza hanno ascoltato professionisti di fama internazionale, come Judith Kravitz, Jim Morningstar, Dan Brule e Jessica Dib.

I tempi di inattività erano occasionalmente in offerta, che in genere comportavano il nuoto in piscina per trovare un po ‘di sollievo dai 40 più gradi-giorni. Infine, ogni sera c’è la cena e un evento come una cerimonia del cacao, una danza estatica, cerchi di batteria o un talent show.

Raramente mi ritrovavo a letto prima di mezzanotte, con il mio unico momento da solo che si è verificato in quel momento prima di andare a letto, dove uscivo nel deserto, guardavo l’Universo e sentivo nell’immensa gratitudine che ho per la vita. La conferenza è piena, dinamica ed energica, ma interamente all’individuo per determinare il loro impegno. C’è una fluidità e apertura che viene fornito con una conferenza di questo tipo.

Sorprendentemente, mi sono buttato in spazi e situazioni che in genere avrebbero fatto emergere la mia identità riservata e introversa. Invece della fatica prevista, mi sentivo eccitato e aperto. Ho permesso che il flusso delle esperienze si manifesti organicamente – sia con cui mi sono seduto durante le pause gastronomiche, in quale laboratorio mi sarei trovato, e a chi sono stato attratto socialmente e sulla pista da ballo. Ho notato aspetti di sé che in genere lotto con erano assenti; invece, sostituita da un’autentica esperienza di sé.

Il GIC è sia educativo che esperienziale. Per me, i primi tre giorni si sono concentrati principalmente sullo sviluppo della mia pratica di respirazione respiratoria, o sull’essere stati introdotti a nuove tecniche meditative mente / corpo. Un giorno ho partecipato a un workshop su un programma in Grecia che offre respiro ai rifugiati per sostenere il rilascio dei traumi. Ho frequentato un workshop sui traumi della prima infanzia, così come un programma progettato per insegnare agli insegnanti come usare le tecniche di respirazione nella loro classe. Mentre questi primi tre giorni sono stati incredibilmente vantaggiosi; non hanno alimentato la mia fame di respirare, e di andare in profondità nel mio processo. Questo è cambiato.

Al quarto giorno, il mio stato emotivo si spostò drasticamente. Fu durante un workshop ‘Sacred 7’, gestito da Andrew Ecker sulla pratica dei nativi americani di onorare i tuoi antenati che mi sono ritrovato a piangere, senza sosta per tutta la durata del suo discorso. Una combinazione della sua storia, della sua medicina, delle dinamiche spirituali in gioco, del mio materiale e delle mie riflessioni sulla disconnessione con gli indigeni australiani hanno portato a questa esplosione di materiale emotivo.

Un altro cambiamento massiccio avvenne durante una sessione di fiati con Dan Brule. Dan, uno dei professionisti del respiro contemporaneo più riconosciuti e attivi al mondo, ha fornito un’esperienza che non può essere pienamente spiegata. Interamente transpersonale, i confini tra sé e gli altri evaporarono. Fu forse una delle esperienze più spirituali della mia vita, e alla pari con quegli stati indotti da una cerimonia di medicina vegetale. Anche se forse è stata l’esperienza più profonda, ha anche indotto un’immensa paura – questo era un territorio sconosciuto, e io ero andato ben oltre il mio materiale biografico.

Quello che è emerso dopo la sessione è stato bellissimo. Incapace di liberare il materiale emotivo derivante dall’esperienza, mi sono sentito completamente innescato. Un panico silenzioso insinuato, e mentre tutti hanno condiviso le loro esperienze con Dan, mi sentivo come se stessi annegando. Poi, nel panico, ho chiuso gli occhi con Geert, che era seduto accanto a me. Senza parole, mi prese la mano. In quel momento, Tom che era seduto dietro di me, ha tenuto il mio corpo per ulteriore supporto. L’azienda offerta da questi due uomini, il maschile, mi ha permesso di liberare l’energia che si era accumulata dalla mia sessione. Ho pianto, che rapidamente si trasformò in immenso amore per tutti in quella stanza e oltre, il mio insegnante, gli amici, la famiglia, il partner e la vita. È stato un promemoria del fatto che il disagio, il dolore, la paura o qualsiasi esperienza intensa è solo un processo di rinascita, un’opportunità di crescita e la nostra trasformazione.

Il GIC è stata un’esperienza incredibilmente unica e che ha cambiato la vita. In un momento in cui il cinismo collettivo e la disperazione per il mondo sono alti, era eccezionalmente potente essere circondati da 280 persone tutte impegnate ad affrontare i loro traumi e ad aiutare gli altri a fare lo stesso. Fornisce un sano esempio di “potere delle persone”, e funge da promemoria per il fatto che forse, non importa cosa, andra’ tutto bene.

Il lavoro a il respiro è una chiesa ampia, con idee e filosofie spesso contrastanti; tuttavia, attraverso una leadership cosciente e conversazioni coscienti, significava che tutte le voci potevano essere ascoltate. Questo è stato fatto attraverso il quotidiano IBF AGMs, che ha agito come nave per la conferenza e la comunità del respiro nel suo complesso. È anche un esempio di comunità cosciente che si riunisce per sviluppare un insieme concordato di principi e un quadro per il lavoro di respirazione per operare all’interno.

Lasciare la conferenza mi ha dato la sensazione che il lavoro di respirazione sia sull’orlo di qualcosa di monumentale. Il lavoro a il respiro è una pratica relativamente sconosciuta. Tuttavia, il GIC dà un apprezzamento del vasto numero di persone che condividono le conoscenze sul potere e il potenziale del lavoro di respiro, sia come una pratica meditativa e uno strumento terapeutico. Le persone stanno portando la respirazione consapevole alle pratiche terapeutiche, agli ospedali, alle scuole, alle prigioni, ai parlamenti, ai luoghi di lavoro, ai campi profughi e alle loro comunità. Ogni giorno, sempre più persone imparano a conoscere la respirazione cosciente e il suo potere. Questo è SUPER stimolante.

A casa ho avuto il tempo di riflettere su nuove intuizioni, vale a dire: il respiro è sufficiente. In precedenza, ho avuto l’idea che fosse necessario un ulteriore studio o un’aggiunta di “qualificazione”; forse, assoldo alla nozione tradizionale di ciò che costituisce una pratica terapeutica legittima. Questo è cambiato.

Il respiro è sufficiente.

Il respiro contiene infinite possibilità. È la porta d’accesso a una comprensione più profonda di chi siamo e di ciò che ci ha plasmato. È un meccanismo per esplorare la coscienza. Tutti noi possediamo la possibilità di formare un rapporto intimo con il nostro respiro, di incontrare il nostro guaritore interiore e di accedere alla saggezza che già possediamo. Intellettualmente ho capito questo, ma dal momento che il GIC, ora lo incarno.